Sono una ragazza come le altre.. almeno cosi credevo.
Sono sempre stata felice..spensierata..sorridente..sempre fino a quando la mia adolescenza a stravolto la mia vita.
Piangevo,piangevo senza un motivo preciso,poi però tornavo a sorridere facendo finta di niente,non volevo far preoccupare le persone anche se poche, che realmente mi amano.
Ho pochi amici…ma nel loro piccolo riescono a dare molto.
Sono cresciuta nella mia classe nel peggiore dei modi..ragazze spietate sempre pronte a spararti grossi colpi da dietro alle spalle,ma che purtroppo arrivavano al mio cuore.
Ho iniziato a fumare,si,sono piccola,ma fumo,fumo per rimuovere i brutti ricordi che mi perseguitano da troppi anni..ho iniziato a tagliarmi,il dolore distrugge il dolore.
Voglio scappare via da questa bruttissima realtà che mi perseguita,infondo come dice Peter Pan la morte può essere una grandiosa avventura.
Ma rimarrò qui.
Rimarrò per tutte le persone che mi odiano,per quelle che mi amano,e per quelle che mi vorrebbero vedere morta.
La mia famiglia,una cosa stupenda,so che se a volte esagerano con le parole,che possono sembrare pugnali,ti amano e ti ameranno per sempre.
Rimarrò per la mia famiglia.
Il mio ragazzo,la cosa più bella che potesse capitarmi,riesce a capirmi,i suoi baci fanno sparire tutte le insicurezze,i suoi abbracci ti fanno tornare finalmente a sorridere.
Rimarrò per il mio ragazzo.
Il mio migliore amico,beh tu sei l’arcobaleno nella tempesta,grazie se ci sei sempre amore,rendi la giornata migliore,ci sei sempre,si litiga si fa pace,si impara ad amare,si ride,si gioca,ed è questo quello che amo di noi,di te.
Resterò per il mio migliore amico.
Mio fratello,beh potrei scrivere un libro di 27238628962 pagine su di lui.Ma dico semplicemente che ti amo,grazie di avrmi cresciuta,di avermi migliorata,di avermi cambiata,di avermi sempre detto cosa fosse meglio per me,grazie per le nostre lotte Greco Romane,grazie per le bestemmie in Aramaico,grazie per avermi sempre retto il gioco..GRAZIE, CAZZO,GRAZIE.
Resterò per mio fratello.
Ah un grazie anche a tutte le zoccole che mi vogliono male,per quelle che mi prendono in giro,per quelle che ti buttano un muro addosso,per quelle che non aiutano a rialzarti e ridono come delle oche in calore,grazie per avermi spinto a fumare,a tagliarmi,e ad uccidermi poco a poco.
RIMARRO PER VOI.
BRUCIATE ALL’INFERNO PUTTANE.